Curvy – the new mood

Bellissime, rotonde, sensuali, le donne curvy meritano una particolare attenzione perchè negli ultimi anni stanno conquistando le passerelle di tutto il mondo e trasformando finalmente gli stereotipi.

Prima di tutto con il termine curvy si definisce la donna “formosa”. Contrariamente a quanto si possa pensare, essere curvy non significa essere in sovrappeso, ma semplicemente si tratta di donne con una corporatura normale e in perfetta salute, che sono orgogliose delle proprie forme e sanno come valorizzarle al meglio.

La domanda che in molti si pongono è: Che taglia indossa una donna curvy? Solitamente per essere definita donna curvy bisogna indossare dalla 46 sino alla 52 in base alla fisicità di ognuna e alle singole esigenze.

Il mondo della moda è da sempre stato conquistato da donne filiformi dove una taglia 42 era gia considerata “grassa”. Inconcepibile!

Negli ultimi anni invece stiamo assistendo ad una vera e propria rivoluzione, portata avanti da modelle e donne coraggiose, una tra tutte Ashley Graham, una top con misure “normali” (un metro e 76 per 91 kg) che da sempre predica il bisogno di amare sé stesse e il proprio corpo senza inseguire la perfezione.

per essere una donna curvy è necessario avere alcuni requisiti:

Un’altezza compresa fra 1,75 e 1,80 metri per poter sfilare in passerella, invece per chi fosse interessata ai servizi fotografici, le misure scendono a 1,70 metri.

Le taglie vanno dalla 46 alla 50, seno fra 100-110 cm, il girovita tra 75-90 cm, mentre la circonferenza fianchi tra 100-110 cm.

Solitamente hanno circa 25 anni, anche se nell’ultimo periodo c’è molta richiesta anche per le over 30. Questi dati lasciano intendere come ci sia una maggiore flessibilità rispetto al mondo della moda “standard”.

Ovviamente non possono mancare attitudine a stare in passerella e buon portamento.

Nel nostro lavoro e durante i casting selezioniamo modelle curvy per i brand di abbigliamento di cui gestiamo la pubblicità. Sono richiestissime.