IMPETO E TEMPESTA. Punk romantico.

Dicono che per capire il senso della vita, finire in una tempesta sia la
cosa più irrazionale, ma perfetta.

Un movimento culturale tedesco nato tra il 1765 e il 1785 chiamato
“Sturm und Drang” (in italiano tempesta ed impeto) rappresenta il
tema che oggi vorrei comunicarvi.

Focalizziamo la nostra mente sul concetto di contrasto e di
sconvolgimento dell’ordinario unito al Bon Ton Romantico anni ’50 ed
all’atmosfera punk/grunge anni ’70.

Difficile è definire esattamente il punk, in quanto possiede molte
correnti (anarchismo, comunismo, nazismo, neutra apoliticità) ma
potremmo descriverlo come un rifiuto di appartenenza, di ideologia e
soprattutto per qualsiasi forma di controllo senza atteggiamenti
specifici.

Analizzando queste parole ed essendo circondata da tessuti in pizzo,
reti ed elementi contrastanti e radicali mi è venuto naturale unire il
movimento di cui vi parlavo: Sturm und Drang.

E’ il precursore del Romanticismo, esaltò i sentimenti, la natura e
l’individualismo rifiutando ogni norma letteraria e culturale, creando
disordini emotivi.

L’idea di uomo venne identificata in quel “superuomo” o “genio” che
crea al di là di ogni canone intrinseco e fonda ogni sua scelta
sull’istinto e sulla provocazione.

Possiamo definirlo un uomo “nuovo” dai caratteri estremi, alla ricerca
del Sehnsucht (in tedesco è un termine che indica lo struggimento,
nostalgia ma anche desiderio) tipico di questa corrente culturale.
Un uomo con un desiderio inestinguibile poichè il suo oggetto è
irraggiungibile.

Unendo queste idee insieme otteniamo un romanticismo più intimo,
personale, quasi erotico ma senza stereotipi e ribelle.
Dolce e delicato ma anche dal carattere deciso e strong, chi si
accontenterebbe della monotonia?

Fondamentale è ricordare che entrando in una tempesta non sai mai
cosa può succedere, non potrai seguire ogni regola prefissata ma
seguire ogni istinto può essere la scelta giusta.

Sarah J Jones