Milano Moda Donna ritorna in presenza a settembre.

Il predominio del digital si affievolisce. La prossima edizione di Milano Moda Donna (21-27 settembre) vedrà un notevole ritorno alle passerelle tradizionali. A comunicarlo è Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana che, attraverso una lettera, ha anticipato la prima bozza di calendario della manifestazione che comprenderà 61 sfilate di cui 42 in presenza.

Tra le novità spicca il ritorno di Roberto Cavalli, adesso sotto la direzione creativa di Fausto Puglisi, e il rientro di Moncler e Boss. Saranno inoltre presenti per la prima volta nel calendario sfilate MM6 Maison MargielaVitelliLuisa Spagnoli e Hui.

“Durante la fashion week avrà luogo anche la sfilata di Milano Moda Graduate, la manifestazione giunta alla sua settima edizione, che valorizza il talento degli studenti provenienti dalle migliori scuole di moda italiane. Ripartire dai giovani e valorizzare la nostra incredibile filiera, unica al mondo, attraverso le sfilate, gli eventi e le presentazioni, in presenza, dei nostri brand ci dà nuova speranza per guardare al futuro”, dichiara Capasa.

Il calendario aggiornato con le presentazioni e gli eventi sarà presentato in occasione della conferenza stampa del 7 settembre. Per ora molti dei big brand italiani hanno già confermato l’allestimento di show in presenza.

La lista è lunga e include nomi quali Giorgio Armani, Versace, Prada, Etro, Missoni, Alberta Ferretti, Marni, Fendi, Ferragamo, N°21, Tod’s, Blumarine, Msgm, Philosophy di Lorenzo Serafini, Ermanno Scervino, Emporio Armani, Genny, Jil Sander, Sunnei, Drome e Dolce & Gabbana.

Non mancano anche i nuovi nomi della scena milanese tra cui Del CoreMarco Rambaldi e Act N°1. Altre maison hanno invece optato per il formato digital, tra queste Dsquared2, Antonio Marras, GcdsEmilio PucciCalcaterraElisabetta Franchi e Laura Biagiotti.