Napoleone: «Per tessile e moda le fiere sono cruciali».

Dopo il tracollo dello scorso anno legato alla pandemia, le manifestazioni fieristiche stanno cominciando la loro risalita. A partire da Expo Dubai, dalla cui sede si è collegato in diretta l’amministratore delegato di Pitti immagineRaffaello Napoleone, per intervenire al MFGS-Milano Fashion global summit 2021 di Class editori.

«Si può dire che quella in corso sia una grande Expo, che dimostra uno sforzo a livello digitale molto alto», ha commentato Napoleone, sottolineando l’importanza crescente del Middle East per il settore moda. L’amministratore delegato dell’istituzione fiorentina ha poi evidenziato come il fatturato delle fiere globali, che nel 2015 ammontava a 24 miliardi di euro e nel 2019 a 28,5 miliardi, lo scorso anno sia sceso a soli 9 miliardi di euro. Oggi, tuttavia, la situazione si sta risollevando.

«Quello che lo scorso anno è emerso è che, soprattutto per il tessile-moda, le fiere sono insostituibili e indispensabili. Non solo per le vendite, ma soprattutto per la possibilità che danno agli addetti al settore di fare paragoni, di confrontare le collezioni che stanno per entrare nel mercato e, non meno importante, di stringere nuovi rapporti e consolidare quelli vecchi», ha affermato Napoleone. «Vivere l’esperienza fieristica parallelamente in maniera fisica e digitale sarà fondamentale per il futuro del comparto», ha concluso.