PETER LINDBERGH – FOTOGRAFO AUTENTICO

Peter Lindbergh ha visto crescere la sua stella con la prima generazione di top model degli anni ottanta e novanta. Ora l’ autenticità del suo lavoro è più rilevante che mai nella lotta continua contro Photoshop. Ci lascia il 3 settembre del 2019.

Per tutta la sua vita nel campo della moda, la visione fotografica di Lindbergh è rimasta invariata. È rimasto fermo mentre la post-produzione ha preso il sopravvento come nuovo strumento del commercio di bellezza di oggi, mettendo in ordine i capelli, computerizzando la levigatura e la rimozione delle rughe. L’industria l’ha definita “realtà migliorata”, ma il rifiuto di piegarsi alla perfezione patinata era il marchio di fabbrica di Lindbergh: l’essenza delle immagini che guardavano nell’anima non verniciata di ogni persona, per quanto familiare o famosa potesse essere la modella soggetto di una sua fotografia.

La fotografia è prima di ogni cosa comunicare, trasferire un’ emozione, un concetto, un fatto. L’ avvento del digitale ha senza dubbio contribuito ad accelerare la produzione fotografica, ma con Photoshop ha rischiato di distruggere l’ essenza della fotografia.

Cambiare i drasticamente i colori, aggiungere effetti digitali, distorcere i contorni e i lineamenti, eliminare qualsiasi tipo di difetto, toglie unicità allo scatto e lo impoverisce, a scapito della comunicazione e del talento.

Di seguito l’account instagram di Peter Lindebergh dove osservare, studiare ed apprezzare la sua arte. @therealpeterlindbergh